MARANTZ CD 50 Il prezzo originale era: €1800,00.Il prezzo attuale è: €1600,00.
Torna ai prodotti
MARANTZ MODEL 50 Il prezzo originale era: €1800,00.Il prezzo attuale è: €1600,00.

TASCAM DA 45HR

The DA-45HR combines offers all the advantages of a studio grade DAT recorder,

and adds the additional capabilities of 24 bit high resolution audio.

Componente come nuovo, utilizzato pochissimo.

450,00

0 prsone stanno guardando ora questo prodotto!

Metodi di pagamento:

Specifiche del prodotto

MARCA:

Modalità di consegna

  • Ritiro in negozio

Dal lunedì al sabato, ore 10:00-13:00 e 16:00-20:00

Gratuito

  • Spedizione Italia per ordini superiori a 350€

Consegna con corriere espresso SDA

2-3 Giorni

Gratuito

  • Spedizione Isole per ordini superiori a 350€

Consegna con corriere espresso SDA

2-3 Giorni

15 €

  • Spedizione Italia per ordini inferiori a 350€, isole incluse

Consegna con corriere espresso SDA

2-3 Giorni

15 €

  • Spedizione Isole in Italia

Consegna con corriere espresso

4-5 Giorni

25 €

  • Garanzia 2 anni

Garanzia UE

Descrizione

PRODUCT OVERVIEW
The DA-45HR combines offers all the advantages of a studio grade DAT
recorder, and adds the additional capabilities of 24 bit high resolution
audio.
Project Studio – Production Studio
While 16 bit is still the common delivery method in the consumer channel,
mass distribution at 24 bit resolution is being promised in the near future.
Mixing your projects down on 24 bit masters now will help you capitalize
on higher resolution re-releases down the road without having to go back
to the studio to remix the tracks. In fact, a number of mix engineers
have specified the 24 bit DAT format as their delivery method, and many
mastering houses are equipped with DA-45HRs to accept the 24 bit maters.
With the proliferation of high resolution multitrack recorders like the
DA-78HR and DA-98HR and 24 bit digital audio workstations, the need for
high resolution mastering recorders is all the more obvious.
Since DATs are already standardized as the method of delivery in studios
everywhere, the ability for the DA-45HR to double as a standard 16 bit DAT
with total backwards compatibility offers a cost effective solution to bring
the best of both worlds into the studio.
For studios that keep the audio totally in the digital domain, the DA-45HR
offers AES/EBU and SPDIF coaxial ports, as well as word sync in/thru for
locking to external word clock sources. These advanced features will
provide all the amenities to integrate into any digital or analog studio of
any size.
Radio Broadcast – Show Control
For broadcast and show control applications, the DA-45HR offers a parallel
I/O on the back panel for custom remote control. The DA-45HR offers
full compatibility with DAT tapes recorded in long play, standard modes, or
24 bit high resolution. Plus, when creating your sound cues, the DA-45HR
is the best sounding, most flexible recordable 24 bit format available. This
means you can customize your shows as time goes on, without having to
re-press DVDs or some other locked, closed end format.
APPLICATIONS
Performance Specifications:
Tape Speed:
Recording Time (120 DAT):
Recording Resolution:
Recording Sample Rate:
Frequency Response:
Signal to Noise Ratio:
Total Harmonic Distortion:
Wow and Flutter:
Channel Separation:
Input RCA:
Input XLR:
Output RCA:
Output XLR:
AES/EBU I/O:
SPDIF Coaxial I/O:
Headphone Output:
Word Sync IN/THRU:
Control Ports:
General Specifications:
Power Requirements:
Power Consumption:
Dimensions:
Weight:
Optional Accessories:
SP – 8.15mm/s; HR – 16.3mm/s
SP – 120 minutes; HR – 60 minutes
SP – 16 bit; HR – 24 bit
44.1kHz, 48kHz
20Hz-20kHz ±0.5dB (SP & HR modes)
>105dB Playback (SP)
>112dB Recording, 105dB Overall (HR)
<0.005% Playback (SP)
<0.002% Recording, <0.004 Overall (HR)
Unmeasurable (<0.001%)
>95dB (1kHz @ Full Scale)
-10dBV, 50kOhm
+6dBV Maximum (2Vrms)
+4dBu, 10kOhm (-16dB, -18dB, -20dB Full Scale)
+20dBV, +22dBV, +24dBV Maximum
-10dBV, <700 Ohm
+6dBV Maximum (2Vrms)
+4dBu, 27 Ohm (-16dB, -18dB, -20dB Full Scale)
+20dBu, +22dBu, +24dBu Maximum
XLR-type, IEC60958 Type I (AES/EBU)
RCA pin, IEC60958 Type II (SPDIF
2x50mW into 32 Ohms
75 Ohms (auto-terminating)
1/8″ mini plug accepts RC-D45 remote
DB15 Parallel I/O
120V AC, 60Hz (USA/Canada Model)
230V AC, 50Hz (UK/Europe Model)
240V AC, 50Hz (Australia Model)
40W
482 x 140.5 x 368 mm
19″ x 5.5″ x 14.5″
8.3Kg, 18.25 lbs.
Wired Remote (RC-D45)

Track Names
The DA-45HR fully supports program titles, allowing each
track to have its own name. This information is stored in
the tape’s subcode, and does not affect the audio quality
or cause conflicts with other machines. The name can be
spelled out with upper and lower case letters, numbers,
and some basic punctuation.
Two Memo Locate Points
When working on mixes, or even running live shows, a
pair of memo points comes in handy. These are separate
locate points that can be used for cueing the tape to a
particular location, or they can be used for looping a part
for rehearsal or critical listening passes.
Single Play
If you are using the DA-45HR in a live production, the
single play function allows you to play the DAT one track
at a time. The DA-45HR will automatically stop at the
next track ID, ready for the next cue.
Margin Counter
This is one of those features you typically never think
about until you don’t have it. The margin counter is very
useful when performing transfers. You can walk away
from the unit, and know if the level ever peaked out, or
if the recording could have been made louder.
Drum Time (Head Time) Counter
For maintenance purposes, it helps to know if it is time
to clean the heads. Maintenance records can be kept
just like taking the odometer reading on car.
Selectable Reference Level, Attenuation on Outputs
Most professional gear operates with -20dB as the 0dB
analog reference level, and most semi-pro gear operates
at -16dB reference level. The DA-45HR offers the ability
to properly match your system to the gear you are
working with. There are also attenuation pots on the
balanced outputs for fine adjustment of these levels.
The DAT recorder shall be able to record audio DAT tapes at the standard
16 bit, 44.1kHz and 48kHz modes. Playback capabilities shall include these
sample rates, as well as 32kHz long play format.
A 24 bit, High Resolution mode shall offer true 24 bit writing to the standard
DAT tape. This high resolution mode shall support both 44.1kHz and 48kHz
sample rates.
The recorded SCMS code status shall be selectable in a menu. Available
options shall include Prohibit, One Generation, and Free. Other menus
shall provide customization of the Auto ID parameters, controlling the
threshold and times required for triggering an auto ID writing.
The DAT recorder shall offer advanced tape subcode data writing and
retrieval, including the ability to read and write program titles, program
IDs, and markers for skip program and end of program.
Advanced cueing controls shall include single play, two memory location
points, and looping between memory ID points.
Analog audio inputs and outputs shall be provided on balanced
XLRs and unbalanced RCA connections. Digital audio inputs and
output shall be provided on AES/EBU format on XLR connectors,
and in SPDIF format on coaxial connectors. Word sync in and thru ports
shall be provided for easier integration into larger digital environments.
The zero dB reference level of the balanced inputs and outputs shall be
adjustable between -16dB, -18dB and -20dB. Additionally, the balanced
outputs shall offer attenuation adjustment potentiometers.
The DAT recorder shall be controllable from a TASCAM RC-D45 remote
control, and shall offer a Parallel I/O port for further remote control and
tally functions.
The DAT recorder shall be able to mount in a standard 19″ rack mount,
taking three spaces in height. Dimensions shall be 19″ x 5.5″ x 14.5″
(W x H x D).
Metric measurements: 482×140.5x368mm
The DAT Recorder shall be a TASCAM DA-45HR.
NOTE: This text is available in a standard text file on TASCAM’s Sound Contractor
CD-ROM. Contact TASCAM for details.

24 BIT DAT FAQ
How does the 24 bit DAT format work?
The 24 bit format DAT uses the same DAT tape that is used in standard DAT
recorders. In order to store the extra data generated by higher resolution
recording, the tape speed is doubled in HR (High Resolution) mode. So,
when you’re recording in 24 bit HR mode, a standard 120 minute tape will
last 60 minutes. Obviously, 24 bit DAT tapes will only play back on a 24 bit
DAT recorder like the DA-45HR.
How can I work with other users who don’t have a 24 bit DAT?
The DA-45HR can also run just like a standard 16 bit DAT recorder, running
normal speed and writing 16 bits to the tape. Reading and writing is fully
supported, so you won’t have to dig out a different DAT recorder for
anything else.
How can I make duplicates of a 24 bit DAT?
This all depends on what you’ve got in your studio. If you have a 24 bit
DAW or multitrack, you can dump tracks back and forth that way, however
these devices may not support track IDs, track names, and other subcode
data. Obviously, you can use two DA-45HRs to make real time copies to
duplicate everything on the tape. The other choice is to use a TASCAM
DA-302 dual well DAT recorder. While the DA-302 is not equipped to
record or play back 24 bit DAT tap

Una versione a 24 bit e ad alta risoluzione del formato DAT consente agli utenti di workstation a 24 bit di trasferire i propri mix utilizzando supporti economici facilmente disponibili.

Tascam ha scelto di estendere la larghezza di banda dati del nastro facendolo funzionare a velocità doppia, in modo da dimezzare i tempi di riproduzione convenzionali, ma un nastro master DAT a 24 bit da un’ora è ancora molto utilizzabile e notevolmente economico.

Caratteristiche del DA45HR
Per quanto riguarda le macchine DAT, il DA45HR è piuttosto convenzionale da  utilizzare;  la macchina è veramente professionale e anche senza l’opzione a 24 bit impressionerebbe solo per il suo elenco di funzionalità. Ciò include opzioni complete di clock digitale, I/O digitali AES‑EBU e S/PDIF, I/O analogici bilanciati e sbilanciati (con controlli di livello calibrati e manuali),  ascolto del nastro, memorie di localizzazione precise al fotogramma. e una serie di modalità operative configurabili. L’unica funzionalità professionale ovviamente mancante è la capacità di registrare e sincronizzarsi con il timecode SMPTE!

Chiaramente, il DA45HR è una macchina ben specifica anche senza l’aggiunta della modalità ad alta risoluzione e vale sicuramente la pena ricordare che può essere utilizzato anche come un convenzionale registratore/lettore DAT a 16 bit.

Il pannello posteriore è ben equipaggiato: gli ingressi analogici sono dotati di XLR bilanciati e fono sbilanciati, così come le uscite analogiche, entrambe rispettivamente a +4dBu e -10dBV. Le uscite analogiche bilanciate sono completate da regolatori di livello preimpostati a cacciavite. L’interfaccia digitale comprende più XLR e fono, le uscite di entrambi forniscono i dati in formato AES‑EBU o S/PDIF selezionati da un menu. C’è anche una coppia di BNC che fornisce un ingresso word clock con un loop-through, quest’ultimo dotato di terminazione 75(omega) automatica. Non viene fornita alcuna uscita word clock, poiché entrambe le uscite audio digitali incorporano segnali di clock all’interno del flusso di dati.

Un connettore D-Sub a 25 vie fornisce una struttura remota parallela con segnali tally (incluso un avviso di fine nastro configurabile) e un ingresso dati seriale. Sebbene il manuale documenti molto bene le disposizioni del cablaggio, non fa ulteriore menzione delle funzioni di controllo dei dati seriali. Un jack da 3,5 mm accetta il cavo dal telecomando RCD45 dedicato. L’unico connettore rimanente è un ingresso di rete IEC standard.

Sia le specifiche meccaniche che quelle elettriche sono molto buone, con un tempo di avvolgimento di soli 60 secondi per un nastro da 120 minuti, un rapporto segnale/rumore migliore di 105 dB (112 dB in modalità a 24 bit) e una distorsione armonica inferiore allo 0,002%. Per ragioni che non riesco a capire, la macchina è dotata di A-D Burr Brown a 24 bit ma solo D-A a 20 bit, quindi le vere prestazioni a 24 bit possono essere ottenute solo tramite le porte digitali utilizzando convertitori esterni. Quando si utilizzano le uscite analogiche interne, il segnale registrato a 24 bit viene arrotondato e sottoposto a dithering a 20 bit.

Il DA45HR è facile da usare come qualsiasi altro registratore DAT con un meccanismo di caricamento nell’angolo in alto a sinistra, tasti di trasporto in basso e un ampio display fluorescente a destra. I pulsanti di configurazione e una rotella occupano il lato destro. Nell’angolo in basso a sinistra è presente un’uscita per le cuffie con il proprio controllo del volume.

Una colonna di sei interruttori a scorrimento all’estrema destra imposta le principali caratteristiche di funzionamento della macchina. Il primo seleziona la sorgente del clock digitale tra ingresso interno, digitale o word clock. Il passaggio successivo determina se la macchina funziona come un DAT convenzionale o come un registratore a 24 bit ad alta risoluzione (vedi riquadro): operativamente non ci sono differenze significative oltre al dimezzamento della capacità del nastro.

I quattro interruttori a scorrimento rimanenti selezionano la frequenza di campionamento interna (solo 44,1 o 48kHz — nessuna modalità LP a 32kHz), ingressi analogici o digitali bilanciati/sbilanciati, selezione dell’ingresso digitale AES‑EBU o S/PDIF e livelli di ingresso calibrati o regolabili dall’utente per gli ingressi analogici.

I controlli di trasporto sono del tutto standard, con i tasti ID per saltare avanti/indietro e la consueta disposizione dei pulsanti di trasporto, con Pausa tra Riproduzione e Registrazione. C’è anche un tasto Mute per la registrazione e i tasti di avvolgimento/riavvolgimento possono essere impostati per fornire ricerche di cue/review udibili quando premuti dalla modalità di riproduzione, se lo si desidera. Premendo da solo il tasto Record si entra in una modalità di monitoraggio dell’ingresso in cui il display conferma le disposizioni di ingresso e consente di monitorare i livelli del segnale, anche con nastri protetti da registrazione o senza nastro nel vassoio!

La grande rotella navetta consente di avvolgere il nastro con ricerca udibile a una velocità compresa tra metà e 12 volte la velocità normale in entrambe le direzioni (otto volte la velocità normale in modalità HR). All’interno della ruota di ricerca è presente un “quadrante dati” utilizzato per modificare i parametri selezionati nei menu di configurazione e determinare i numeri ID di avvio del nastro per la riproduzione del programma.

A sinistra della ruota della navetta c’è un gruppo di 12 “tasti di comando”. Il pulsante in basso a destra è un tasto Maiusc per accedere a funzioni alternative contrassegnate da legende blu sopra alcuni degli altri pulsanti (come Individua archivio per i pulsanti Individua memoria). I tasti di comando determinano funzioni come la modalità del contatore (tempo A, tempo P, tempo rimanente e contatore del nastro), ripristino del margine della visualizzazione del livello di picco (che reimposta anche il contatore del nastro) e un display di testo (la macchina supporta titoli alfanumerici ed etichette memorizzate sul nastro).

La grande rotella navetta consente di avvolgere il nastro con ricerca udibile a una velocità compresa tra la metà e 12 volte la velocità normale in entrambe le direzioni (8 volte la velocità normale in modalità HR). All’interno della ruota di ricerca è presente un “quadrante dati” utilizzato per modificare i parametri selezionati nei menu di configurazione e determinare i numeri ID di avvio del nastro per la riproduzione del programma. A sinistra della ruota della navetta c’è un gruppo di 12 “tasti di comando”.
La grande rotella navetta consente di avvolgere il nastro con ricerca udibile a una velocità compresa tra la metà e 12 volte la velocità normale in entrambe le direzioni (8 volte la velocità normale in modalità HR). All’interno della ruota di ricerca è presente un “quadrante dati” utilizzato per modificare i parametri selezionati nei menu di configurazione e determinare i numeri ID di avvio del nastro per la riproduzione del programma. A sinistra della ruota della navetta c’è un gruppo di 12 “tasti di comando”.
Un pulsante denominato Display consente di scorrere varie altre modalità di visualizzazione che includono il numero di programma predefinito e la visualizzazione del margine di livello, una modalità di visualizzazione dell’ora più dettagliata che incorpora frame DAT insieme a ore, minuti e secondi e un tasso di errore di blocco con letture separate disponibili per il Tracce/teste A e B.

Altri pulsanti consentono la riproduzione saltata (riconoscimento e attivazione degli ID Skip) e la scrittura dell’ID automatico durante la registrazione, mentre un pulsante Invio conferma le modifiche apportate ai parametri nei menu di configurazione. Sono presenti due memorie Locate e una modalità Single Play in cui il nastro viene riprodotto finché non viene trovato un nuovo Start ID, quindi si ferma automaticamente.

Le funzioni spostate includono una modalità di riproduzione ripetuta, la scrittura e cancellazione degli ID di inizio, salto e fine, la rinumerazione degli ID e la modifica delle memorie di posizione. È anche possibile programmare una sequenza di riproduzione basata sui numeri ID di avvio e scrivere stringhe fino a 60 caratteri per etichettare le sezioni del nastro. Il DA45HR memorizza questi messaggi nel sottocodice sul nastro insieme agli Start ID, ai quali sono associati. Tuttavia, poche macchine sono in grado di riconoscere e visualizzare stringhe di caratteri, quindi sono di uso limitato.

Menù
Ci sono 19 diverse pagine di menu sul DA45HR, a cui si accede premendo ripetutamente i pulsanti Menu o Display (quest’ultimo scorre l’elenco nell’ordine opposto al pulsante menu). Prima che si scateni il panico, però, dovrei sottolineare che alcuni menu sono in realtà solo visualizzazioni di stato, come le ore di lavoro registrate, e il resto coinvolge solo un singolo parametro: non ci sono pagine nidificate a più livelli!

I menu consentono all’utente di personalizzare un’ampia gamma di parametri operativi come la soglia dell’ID di avvio automatico (tra -60 e -48 dBFS) e la durata del silenzio richiesta per attivare l’ID di avvio automatico (da 0,5 a 2,0 secondi). La relazione tra i livelli dell’interfaccia analogica e il livello di registrazione DAT può anche essere regolata per -16, -18 o -20dBFS per equivalere a +4dBu.

Il formato di uscita digitale per entrambi gli I/O digitali può essere selezionato tra AES‑EBU o S/PDIF e la lunghezza della parola di uscita impostata su 24 o 16 bit (questo è rilevante solo in modalità HR). È disponibile un’opzione di dithering per le uscite analogiche della macchina durante la riproduzione di nastri a 24 bit utilizzando i convertitori D‑A a 20 bit. Le opzioni sono distribuzione della densità disattivata, triangolare o rettangolare. Entrambe le modalità dither riducono il rapporto tecnico segnale-rumore ma migliorano significativamente la qualità del suono percepito, l’opzione migliore dipende dal programma.

Un altro menu consente di impostare lo stato di proibizione della copia registrato sul nastro per consentire la copia illimitata, una generazione di copie o nessuna copia (secondo i requisiti SCMS). La macchina può anche essere configurata per scrivere un ID fine ogni volta che interrompe la registrazione e un’ulteriore opzione di menu determina se, quando incontra un ID fine, la macchina interrompe o riavvolge il nastro. Ci sono molti menu relativi al trasporto, che impostano cose come quante volte la macchina ripeterà un passaggio se è selezionata la modalità Ripeti (10 o illimitato), il pre-roll quando si accede a una memoria di localizzazione (da zero a cinque secondi ) e se i tasti di avvolgimento agiscono come pulsanti cue/review o normale avanzamento/riavvolgimento quando premuti in modalità di riproduzione. Quando un nastro si avvicina alla fine, un altro menu imposta il periodo di avviso (1, 2 o 3 minuti) per il segnale End Tally disponibile sulla porta Control I/O.

Poiché il nastro funziona due volte più velocemente in modalità HR, ma il formato del nastro è lo stesso di quello standard, il sottocodice A-time sul nastro sembra funzionare due volte più velocemente del normale sui nastri ad alta risoluzione. Un menu consente alla macchina di tradurre questo codice in una visualizzazione in tempo reale, se necessario. C’è anche un menu per reinizializzare tutte le impostazioni ai preset di fabbrica, e una funzione molto utile per individuare i punti sul nastro in cui si sono verificati gravi errori di blocco.

Non fa realmente parte del sistema di menu, ma è degno di nota qui l’elenco completo dei messaggi di errore che possono essere visualizzati, tutti spiegati nel manuale. Questi includono avvertimenti su clock errato, problemi con gli I/O digitali, nastro inappropriato (un nastro registrato in modalità di riproduzione lunga a 32kHz, per esempio) e alcuni problemi tecnici più seri, come errori del servo del nastro.

Il Tascam DA45HR è una macchina impressionante. Sembra professionale, solido e affidabile e sarebbe una risorsa in qualsiasi sala di controllo. Per quanto la macchina sia indubbiamente valida come DAT standard, tuttavia, la vera ragione per acquistare questa bestia è la sua capacità di alta risoluzione.

L’unico lato negativo che vedo nel DA45HR è che il formato HR è unico per questa macchina, quindi è probabile che dovresti portare la macchina nella suite di mastering per riprodurre le tue registrazioni a 24 bit. Supponendo che ciò non ti dia fastidio, il DA45HR fa tutto ciò che ti aspetteresti. Inserisci 24 bit di dati audio dalla tua console digitale e li registrerà perfettamente: non ho notato alcun aumento negli errori del nastro oltre a quelli normalmente attesi da nastri DAT decenti in una macchina convenzionale… che non è quasi nessuno! Riproduci il nastro sulla tua console digitale e tutto è ancora lì. Cosa si può volere di più?

Rispetto a un DAT convenzionale a 16 bit (con dithering appropriato da una sorgente ad alta risoluzione), il DA45HR suona più pulito, silenzioso, più dettagliato e più aperto. I vantaggi stanno quasi tutti nei sottili rumori di sottofondo e nelle braci morenti del suono: le cose che rendono viva una registrazione e la rendono più reale. Ma se stai già lavorando a 24 bit, non hai bisogno che te lo dica, vero?

Utilizzando i convertitori propri della macchina, è più difficile discernere i vantaggi. Gli A-D a 24 bit sembrano essere abbastanza capaci – non proprio nella lega dCS o Prism, ma abbastanza buoni per la maggior parte delle applicazioni – e molto migliori di quelli di molte macchine DAT convenzionali. Non capisco però perché Tascam abbia scelto di montare D‑A a 20 bit, soprattutto quando i convenienti convertitori Crystal a 24 bit sono diventati quasi uno standard del settore. Detto questo, i D‑A sono buoni e gli effetti della modifica del dithering possono certamente essere ascoltati attraverso di essi, ma i vantaggi della registrazione a 24 bit sono inevitabilmente persi in una certa misura.

Presumibilmente, l’argomento per configurare il lato D‑A in questo modo è che chiunque lavori a 24 bit deve già avere un convertitore a 24 bit decente come parte della propria catena di monitoraggio, quindi perché duplicarlo? Se così fosse, però, lo stesso ragionamento non si applicherebbe anche al lato A-D?

Non ho dubbi sui vantaggi della risoluzione a 24 bit. Qualunque sia la ragione, e le discussioni continuano a infuriare, il suono è più pulito e preciso della registrazione a 16 bit. E a tal fine, Tascam DA45HR è una macchina molto utile da avere nella sala di controllo, essendo molto conveniente, fornendo un’interfaccia utente familiare, piena compatibilità con i DAT convenzionali e risoluzione a 24 bit attraverso l’I/O digitale. I supporti DAT sono inoltre estremamente economici, anche utilizzati a doppia velocità, e hanno dimostrato di essere accettabilmente affidabili. Se sei un utente Pro Tools 24, questa potrebbe essere la conveniente macchina per il mastering che stavi aspettando.

L’unica domanda rimasta senza risposta è: quando apparirà la macchina DAT a quattro velocità, 96 kHz e 24 bit…?

DAT ad alta risoluzione
Tascam ha ottenuto prestazioni a 24 bit da un formato a 16 bit con una semplice modifica. L’alterazione di base consiste nell’aumentare sia la velocità lineare del nastro che la velocità rotazionale del tamburo della testina – entrambe di un fattore due – per fornire la larghezza di banda necessaria per consentire la registrazione di 24 bit di dati audio durante ciascuna striscia diagonale del nastro. Pertanto, in modalità HR il nastro gira a 16,3 mm/s invece di 8,15 mm/s, e il tamburo della testina gira a 4000 giri al minuto spaventosi invece degli ancora spaventosi 2000 giri al minuto!

Ovviamente, aumentando la velocità del nastro di un fattore due si dimezza il tempo massimo di registrazione su un dato nastro, quindi una cassetta DAT standard da 120 minuti (la più lunga consigliata da Tascam) registrerà 60 minuti di dati a 24 bit. Poiché la velocità del nastro è diversa per i due formati, un singolo nastro non può contenere sia il formato ad alta risoluzione che quello standard, e un nastro ad alta risoluzione non può essere riprodotto su nessun apparecchio standard. Il DA45HR riconosce automaticamente il formato del nastro e cambia la modalità di conseguenza.

A parte l’aspetto della doppia velocità di questo design proprietario, il resto del formato del nastro rimane sostanzialmente identico alle specifiche originali, fino alla disposizione dei sottocodici, motivo per cui il display A-time funziona al doppio della velocità normale durante un Registrazione delle risorse umane!

In modalità standard, il DA45HR riduce automaticamente i dati prodotti dai suoi convertitori A-D interni a 24 bit (o ricevuti tramite gli ingressi digitali) alla risoluzione di 16bit

Recensioni dei clienti